Come organizzare un viaggio a Londra nel 2017





Come organizzare un viaggio a Londra oggi? La Capitale dell’Inghilterra, meta di turisti, professionisti, famiglie, giovani e meno giovani che sognano di trascorrere un tempo più o meno lungo in una delle città più belle e costose d’Europa.

Come fare per organizzare la propria vacanza al meglio?

Vediamo qualche piccolo consiglio per riuscire ad arrivare preparati.

 

Come organizzare un viaggio a Londra




Per chi l’ha già visitata o chi ancora deve spuntarla dalla lista di città da visitare, e anche per chi sta progettando un viaggio in avanscoperta, per capire se quel biglietto di sola andata al quale pensiamo da tempo vale la pena comprarlo.

Prima di fare il biglietto aereo assicuratevi che i vostri documenti siano in regola e se potete, portate con voi il passaporto. Vi farà risparmiare tempo ai controlli una volta atterrati.

Per essere sicuri di trovare l’offerta migliore, il mio consiglio è quello di utilizzare motori di ricerca per comparare voli e prezzi, il mio preferito è Skyscanner, che insieme all’app della Ryanair e a quella di Airbnb non mancano mai sul mio smartphone.

In questo modo riesco a tenere sempre sotto controllo le mete che mi interessano riuscendo spesso a spendere davvero poco per il viaggio.

La maggior parte dei voli Ryanair per Londra atterrano all’aeroporto di Stansted, distante dalla Capitale circa 62km e situato a nord est rispetto ad essa. Da lì avrete a disposizione diversi pullman di varie compagnie tra cui la National Express oppure potrete prendere il treno dall’aeroporto al centro di Londra.  

I biglietti si possono acquistare sia sul posto che online, acquistarli con quest’ultima metodologia e con il dovuto anticipo vi darà la possibilità di usufruire di tariffe scontate. Dall’aeroporto di Stansted spesso utilizzo il treno ed ormai ho imparato a prendere i biglietti circa un mese prima, un modo che spesso mi aiuta a risparmiare una decina di sterline.

Gli altri aeroporti sono Luton (anch’esso fuori Londra, situato a nord ovest), Heathrow (raggiungibile con la Piccadilly Line in circa un’oretta dal centro città), Gatwick (situato a sud) e il London City Airport (situato in zona 2, collegato con la linea DLR).

Qualunque sia l’aeroporto nel quale atterrerete, non avrete nessun tipo di difficoltà nel raggiungere il centro città, i collegamenti sono ottimi.

Una volta prenotato il biglietto aereo non vi resta che scegliere l’alloggio. Mappa di Londra alla mano, considerate che la città è divisa in zone che vanno dalla zona 1 alla zona 9.

Se la vostra permanenza è di pochi giorni vi consiglio di trovare un alloggio in zona 1 o 2 al massimo, per limitare il costo del trasporto pubblico.

Per usufruire di bus/metro/treni avrete necessità di una Oyster Card per il trasporto pubblico a Londra, ovverosia la tessera magnetica che dovrete usare per il vostro abbonamento giornaliero/settimanale/mensile oppure dove potrete caricare del denaro per pagare le corse singole (quindi effettuare il top up della carta).

La Oyster Card si acquista al costo di £5 presso le stazioni della metropolitana oppure negli Off Licence, piccoli market che vendono un po’ di tutto, dai souvenir, al cibo di tutto il mondo, ai casalinghi. Una volta finita la vacanza, potrete restituire la carta e vi verrà reso il deposito più l’eventuale denaro rimasto. 

Se sapete già che non vi muoverete moltissimo sui mezzi potete anche non acquistare una Oyster Card ma utilizzare il vostro bancomat o carta di credito qualora dispongano dell’opzione contactless. Alle stazioni dei treni o metropolitane, ricordate di passare la carta sull’apposito rilevatore magnetico sia in entrata che in uscita per essere sicuri che vi venga applicata la giusta tariffa.

Una volta fatti i biglietti e trovato l’alloggio non vi resta che studiare un po’ per farvi un’idea di tutto ciò che la città ha da offrirvi durante il vostro più o meno lungo periodo di permanenza.

Non dimenticate di controllare il meteo.

 

Come organizzare un viaggio studio a Londra




Corsi di laurea, post laurea o semplicemente un corso per migliorare la conoscenza della lingua inglese.

Londra è meta di tantissimi giovani e meno giovani che arrivano da tutto il mondo per studiare.

Le possibilità non mancano, ma bisogna avere le idee chiare e, perché no, qualche soldo da parte.

Ci sono diversi istituti sparsi per tutta la città che offrono vari servizi oltre ai corsi di lingua. E’ possibile ad esempio prenotare per una settimana (o anche di più) avendo la possibilità di scegliere se alloggiare in un campus, in un appartamento condiviso oppure presso una delle tante famiglie che partecipano al progetto e si offrono di ospitare studenti stranieri per brevi periodi.

Aziende come la ESL – Soggiorni linguistici vi daranno la possibilità di fare un’esperienza nuova, senza dubbio formativa e utile ad aprirsi a nuovi orizzonti non solo professionali.

Il costo varia in base al luogo e al pacchetto che si sceglie, in linea di massima si parte da un minimo di £240 per una settimana di corso.

Che la vostra idea sia quella di viaggiare per passione o per mestiere o che semplicemente vogliate regalarvi un’esperienza nuova, lo studio approfondito di una lingua straniera è qualcosa in grado di regalarvi moltissimo sotto tanti punti di vista.

Conoscere una o più lingue straniere vi apre la mente, vi permette di entrare in contatto con nuove culture, nuove realtà e vi permette di guardare il mondo con occhi sempre diversi.

 

Come organizzare un viaggio a Londra con bambini




Londra è una città per tutti, in grado di accontentare le necessità di chiunque in qualunque momento.

Se decidete di organizzare un viaggio con la famiglia al completo, non resterete delusi.

Parchi, musei, mercatini, concerti, cinema e chi più ne ha, più ne metta. I bimbi saranno in grado di portare a casa il ricordo di una bellissima vacanza.

Cominciamo con una buona notizia, la maggior parte dei musei londinesi si possono visitare gratuitamente.

Preparatevi ad esplorare alcuni tra i musei più interessanti d’Europa, tra cui il British Museum, il Museo della Scienza, il Museo di Storia Naturale. Questi e tanti altri fanno parte dell’elenco dei musei gratis di Londra.

Da non perdere il Museo di Sherlock Holmes, situato al 221b di Baker Street, indirizzo scelto da Arthur Conan Doyle come residenza del famoso investigatore inglese. Ogni minimo dettaglio è stato curato e realizzato basandosi sulle descrizioni dello scrittore.

Il costo è accessibile, £15 adulti e £10 bambini sotto i 16 anni.

Dal costo leggermente più elevato, ma che vale ogni penny, il Warner Bros Studio Tour, alla scoperta di Harry Potter. Il luogo è situato a 20 miglia a nord ovest di Londra, nella località di Leavesden.


Lo Studio Tour si raggiunge con facilità da qualsiasi zona di Londra e del sito ufficiale, selezionando la voce Contact us e poi 
Where are we?, avrete la possibilità di leggere tutte le indicazioni ed anche di inserire il vostro post code (codice di avviamento postale) in modo da avere delle indicazioni dettagliate basate sul luogo esatto in cui alloggiate.

Purtroppo la lingua italiana non rientra nelle opzioni offerte dal portale per la traduzione, ma qualora doveste avere delle difficoltà con l’inglese potrete aiutarvi con un traduttore online.  

Londra è una città attiva 24/7 ma ci sono delle cose da considerare quando si viaggia con bambini. Ad esempio, contrariamente al nostro paese, non tutti i locali dove si servono alcolici sono family friendly ed in alcuni bar o pub potrebbero non farvi entrare con bimbi al seguito. Le leggi per la somministrazione ed il consumo di bevande alcoliche sono molto severe e vengono rispettate.

Sempre per restare in tema alimentare, le cucine dei ristoranti chiudono presto rispetto a certe zone d’Italia, difficilmente dopo le 22.30 troverete un ristorante aperto. Chi abita da Roma in giù sa di cosa parlo, difficilmente si cena prima delle 21:00.

 

Viaggio a Londra consigli




Londra è una città magica che richiede però un impiego di energie notevole. Grandi distanze, lunghe code, tanta gente per le strade a qualunque ora. Il tutto shakerato con una buona dose di imprevedibilità meteorologica.

Non caricate troppo la vostra valigia, portate con voi scarpe comode e preparatevi a godervi la vacanza.

Vi potrebbe tornare utile qualche consiglio su come preparare la valigia perfetta per Londra, qualora il dubbio vi assalga e vi ritroviate improvvisamente con tutto il guardaroba sparso per la stanza e un grosso punto interrogativo stampato sul viso.

Niente panico. Londra è anche piena di negozi fantastici, alcuni molto economici e meta di tantissimi italiani, come Primark, altri meno economici ma che comunque vale la pena visitare in caso di necessità.

Scaricate un traduttore sul cellulare, qualora pensate di avere problemi con la lingua, ma ricordate che i connazionali qui sono davvero tantissimi e potreste restare sorpresi nel sentire parlare italiano tanto spesso.

Se non volete rinunciare alla cucina italiana avrete l’imbarazzo della scelta, ristoranti e pizzerie non mancano, alcune dai prezzi davvero accessibili come ad esempio la catena di pizzerie Franco Manca, altri un po’ più costosi ma comunque molto buoni.

Vi consiglierei di lasciar perdere la pasta per qualche giorno, per provare ristoranti diversi e cucine del mondo: la cucina giapponese, thai, vietnamita o indiana, ma anche spagnola o messicana. A Londra avete l’imbarazzo della scelta.

So che è difficilissimo per alcuni rinunciare alla cucina tricolore, ma potreste portare a casa il ricordo di qualcosa di veramente nuovo e piacevole.

 

Documenti per Londra

Sebbene le trattative per la Brexit siano in corso, non è di fatto cambiato ancora nulla e potete tranquillamente viaggiare con la vostra carta d’identità purchè in buono stato e valida per l’espatrio.

Qualora siate in possesso di un passaporto elettronico ve lo consiglio alla carta d’identità per una questione puramente legata alla comodità del controllo di sicurezza in aeroporto.

Il passaporto resta il documento preferito all’estero, di facile lettura, difficile da contraffare, riconosciuto ovunque senza problemi alcuni, ultimo ma non meno importante – la coda ai controlli di sicurezza è molto più scorrevole rispetto a quella riservata ai possessori di ID card.

In ogni caso, fate una lista di documenti e carte che potrebbero tornarvi utili durante il viaggio all’estero. Dal codice fiscale alla patente, passando per prenotazioni ed eventuali ricette mediche fino a carte di credito e numeri utili da contattare in caso emergenza.

Un consiglio: fotocopiate tutti i documenti che state portando in viaggio e tenete la copia separata dagli originali e al sicuro, vi tornerà utile in caso di furto o smarrimento.

 

Itinerario per Londra

Che sia per voi la prima volta o la centesima, a Londra troverete sempre qualcosa di nuovo da vedere.

Di solito, quando organizzo un viaggio da qualche parte ho sempre una lunga lista di cose da fare o da visitare. Soprattutto se si tratta di grandi città.

Se siete persone creative, se amate scrivere, leggere disegnare, portate con voi un taccuino, una moleskine, e lasciatevi inondare di stimoli e di energia da questa bellissima metropoli.

Provare a creare un itinerario su misura per voi, basandovi su quelle che sono le vostre passioni, senza ovviamente farvi mancare i punti cardine di una città come questa: dal Big Ben a Buckingham Palace passando per i bellissimi parchi e la visuale suggestiva di cui si può godere passeggiando sui ponti o salendo sui grattacieli come lo Shard di Renzo Piano oppure lo Sky Garden.

Ho scritto un itinerario di Londra che potrebbe tornarvi utile e che ripercorre a piedi le tappe fondamentali della Londra più classica, con l’aggiunta di mercatini e luoghi della musica.

Con la speranza di avervi regalato qualche minuto di piacevole lettura, vi ricordo che è possibile iscriversi alla nostra Newsletter mensile, per ricevere aggiornamenti e tenerci in contatto.

Non mi resta che augurarvi buon viaggio!

Caterina Giordo

Sarda itinerante, romana di adozione. Amante dell’arte, dei libri, della scrittura e degli animali, in particolare dei gatti. Laureata in Arti Visive e discipline dello Spettacolo presso la Rufa – Libera Accademia di Belle arti di Roma, attualmente vivo a Londra. Scrivo, disegno, scatto tante foto, colleziono fallimenti e piccoli successi. Parlo di ciò che amo, con la speranza di essere d’aiuto a chi, come me, è sempre alla ricerca di nuovi stimoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: