7 consigli per trasferirsi e vivere in Olanda nel 2017





Il Nord Europa continua ad essere una delle mete preferite per chi è alla ricerca di un nuovo lavoro, di un differente percorso di studi o semplicemente di una nuova esperienza.

L’Olanda è tra i paesi migliori in cui vivere oggi come oggi sotto molti aspetti che abbiamo già trattato nella guida completa per vivere in Olanda.

Se la vostra valigia è già pronta, prendetevi giusto 2 minuti di tempo per conoscere 7 validi consigli prima di trasferirsi in Olanda

 

Trasferirsi e vivere in Olanda nel 2017




1 – Non fare le cose in modo frettoloso: l’Olanda è un paese del Nord Europa che ha molto da offrire e che attualmente gode di uno dei migliori stili di vita a livello mondiale. Tuttavia si tratta di un paese che chiede molto all’inizio e un determinato impegno per chi vuole integrarsi nella società. Quindi prima di partire pianificate bene il vostro trasferimento senza essere frettolosi, capite dove e cosa andare a fare e poi mettetecela tutta.

Trasferirsi all’estero non è un’impresa facile ma l’impegno in questo paese vi ripagherà.

 

2 – Conoscenza della lingua inglese: prima di partire studiate e ripassate bene la lingua inglese. Come ben sapete in Olanda si parla l’olandese ma praticamente tutte le persone del posto hanno una buona conoscenza dell’inglese e in alcuni posti di lavoro è la lingua con cui si comunica ufficialmente.

Non pensate di andare in questo paese conoscendo solo l’Italiano o altre lingue al di fuori dell’olandese e dell’inglese. Le difficoltà sarebbero veramente enormi, sia nel cercare un impiego, una casa e nel fare tutti i documenti necessari.

Vi garantisco che l’inglese è un buon punto di partenza e la vita in Olanda può migliorare di molto la vostra conoscenza di questa lingua internazionale. Una volta che vi siete sistemati cominciate anche un bel corso di olandese.

 

Consigli per trasferirsi in Olanda




3 – Budget: non partite senza soldi. Prima di fare il biglietto aereo calcolate un fondo per cercare di avere un’autonomia di qualche mese, utile per poter trovare un primo impiego, un posto stabile dove vivere e la vostra dimensione. L’Olanda è un luogo dove la vita è molto cara, soprattutto rispetto l’Italia: una stanza arriva a costare anche sopra i 500 euro ad Amsterdam, quindi partite con il giusto budget per far fronte a tutte le spese iniziali.

Appena atterrati i prezzi potrebbero spaventarvi (è possibile trovare una pizza margherita a 10 euro) ma non preoccupatevi dato che una volta che comincerete a lavorare il vostro stipendio sarà adeguato alla vita del posto.

 

4 – Uso della bicicletta per ammortizzare i costi: rimanendo sempre in tema di costi, per spendere il meno possibile potete utilizzare la bicicletta. In Olanda questo è il mezzo che va per la maggiore e le strade sono adibite per i ciclisti che ogni giorno fanno avanti indietro sulle due ruote. In questo modo potete risparmiare i soldi dell’abbonamento ai mezzi pubblici fino a quando la vostra situazione monetaria non si stabilisce e non sia mai che vi innamorate di questo mezzo di trasporto che sta tornando di moda un po’ in tutta Europa, un po’ per far fronte alle spese dei mezzi privati a carburante, un po’ per il senso civico che si sta espandendo contro il forte inquinamento dei nostri tempi.

Inoltre qualche km sulle due ruote a pedali ogni giorno in uno dei paesi con il più basso tasso d’inquinamento al mondo vi farà stare quanto prima in ottima forma.

 

5 – Dove alloggiare i primi tempi senza spendere molto: in base alla zona e alla città che sceglierete avrete più o meno difficoltà nel trovare un alloggio, così come vedrete i prezzi fluttuare tra una zona e l’altra. Tuttavia vi sarà difficile trovare un’abitazione dall’Italia. Per questo motivo potete optare per un bed and breakfast per qualche settimana, posto ideale per spendere poco, entrare in contatto con le persone del luogo e per avere il giusto tempo di trovare la vostra casa ideale e magari anche il primo impiego.

Se, al contrario, trovate un appartamento dall’Italia su qualche sito internet, evitate di mandare soldi in anticipo e in mancanza di un contratto firmato. Visitate la casa prima di fermarla dato che le foto non rendono giustizia a come si vive effettivamente in un luogo e optate per periodi brevi dato che potete trovare di meglio e dato che se c’è qualcosa che non vi piace non siete vincolati a vivere a lungo in una casa che non soddisfa le vostre ambizioni. Sicuramente vi state trasferendo per trovare una vita migliore e non peggiore.

 

Consigli per vivere in Olanda e lavorare




6 – Trovare lavoro con un buon curriculum rispettando quelli che sono gli standard del paese: inserire solo i lavori importanti e pertinenti, non usare il formato europeo, mettere una vostra bella foto professionale ed evitare errori. Il curriculum lo potete fare tranquillamente in inglese e per trovare lavoro in poco tempo mandatene il più possibile, sui siti delle compagnie che vi interessano, consegnandoli a mano o presso le agenzie del lavoro. Inviate curriculum senza esitare.

Un altro strumento molto importante è Linkedin per trovare lavoro: se non avete un account fatelo prima di partire, aggiungete il vostro indirizzo olandese (in modo tale che le società del posto vi notino) e ovviamente scrivete (o riscrivete) tutte le informazioni in inglese.

Preparatevi a sostenere un ottimo colloquio in inglese dato che è la lingua maggiormente usata negli ambienti di lavoro e date anche uno sguardo agli annunci di lavoro dell’Ufficio di Collocamento Olandese.

 

7 – Tessera Sanitaria Europea: munitevi di questo documento prima di partire dato che comprende il modello E111, un documento che copre eventuali spese mediche nei paesi in cui l’assistenza sanitaria è privata come in Olanda. Ricordatevi che senza la tessera sanitaria europea ogni eventuale intervento medico sarà a vostro carico e non c’è da scherzare con i conti degli ospedali privati.

 

Se siete pronti a partire approfondite l’argomento per trasferirvi e vivere in Olanda dato che sono tante le cose che vi aspettano assieme ad un bellissimo paese.

 

Marco Valeri

Mi chiamo Marco Valeri, sono nato a Roma e attualmente vivo a Londra, città che mi ha cambiato la vita.

Divoro libri, amo scrivere e non mi stanco mai di conoscere cose nuove, soprattutto legate alla comunicazione, alla crescita personale e allo sviluppo del web.

Ho fatto praticamente ogni tipo di lavoro per mantenermi e questo mi ha permesso di capire che l’età non è mai un limite per essere ciò che vuoi essere.

“La disciplina è libertà” è quel concetto che provo a mettere in pratica ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: