Vivere a Londra quanto costa nel 2017 un mese? Prezzi





Vivere a Londra quanto costa? Tanto!

È la sintesi perfetta di quest’articolo ma se siete finiti tra queste righe probabilmente volete saperne qualcosa in più.

Approfondiremo nei prossimi paragrafi quanto costa vivere a Londra, le spese a cui si fa fronte in un mese, a quanto ammontano gli stipendi, i prezzi a confronto con l’Italia, i costi in Inghilterra e qualche piccolo consiglio.

Buona lettura.

 

Vivere a Londra quanto costa nel 2017




Vivere a Londra costa? 

Un recente articolo di RaiNews24 da Londra tra le prima 30 città più care del mondo e questo accade giusto perché l’uscita dall’Europa ha svalutato la sterlina, altrimenti spesso e volentieri la City è tra le prime 10 città più costose al mondo.

Se ci vivete sapete di che sto parlando, se ci siete stati in vacanza avete avuto modo di testarla con il vostro portafoglio e se state leggendo queste righe per farvene un’idea immagino che cominciate a capire.

Tuttavia parliamo anche di una città affascinante e ricca di occasioni, sempre un passo avanti al cambiamento e dove c’è sempre una possibilità per tutti.

Questi e altri motivi sono quelli che la rendono una metropoli con circa 9 milioni di abitanti nonostante i folli costi.

 

Quanto costa vivere a Londra un mese?




A Londra c’è una grande disparità di reddito: ci sono persone che guadagnano e spendono molto così come ci sono persone che guadagnano e spendono poco.

Questo concetto si estende al mondo intero e al di là del fatto che sia giusto o meno la storia ci insegna che la disparità di risorse c’è, purtroppo, sempre stata tra individui.

A Londra vi capiterà di trovare il manager che vive con spese folli e il nuovo arrivato che partendo dal basso paga l’affitto della stanza, la tessera dei mezzi pubblici, il corso d’inglese e la spesa con poco più di £1000.

Costo affitto appartamento Londra: la prima cosa con cui bisogna fare i conti sono gli affitti e in questa città non solo sono cari ma il mercato immobiliare è molto ostile data la grande mole di persone che ogni giorni cerca casa e dati i prezzi.

Vivere a Londra quanto costa a zone: è davvero inaccessibile vivere al centro di Londra, l’affitto di un monolocale arriva anche sopra le £2000 per non parlare di un normale appartamento e del suo relativo costo.

Londra è divisa in zone e queste si estendono in forma circolare a partire dal centro (zona 1) fino ad arrivare ai confini della città (zona 6).

In zona 2 e in zona 3 gli affitti sono più accessibili: è possibile trovare un monolocale a partire da £800 bollette escluse. Se ci si vuole orientare per una casa più grande il prezzo di partenza sono £1200, difficile trovare qualcosa al di sotto, sempre bollette escluse.

Gli annunci dalle agenzie immobiliari di Londra vi possono far fare una migliore idea sul costo della abitazioni, i prezzi variano di quartiere in quartiere.

Costo del trasporto pubblico: allontanandosi dal centro i costi degli affitti scendono così come quello delle case. Tuttavia non è detto che diminuiscono le vostre spese mensili dato che il trasporto pubblico a Londra si paga in base alle zone in cui si viaggia: all’aumentare delle aree in cui ci si sposta aumentano anche i prezzi degli abbonamenti.

Ad esempio se lavorate al centro di Londra (zona 1) e vivete a Lewisham (zona 2) pagate circa £125 al mese di abbonamento ai mezzi pubblici (metropolitana, autobus e treni di superficie). Se vi spostate oltre, magari a Catford (zona 3) l’abbonamento mensile dei mezzi pubblici arriva intorno ai £145.

Quindi se pensate di spostarvi in periferia per risparmiare non è detto che ci riusciate.

Tuttavia l’abbonamento mensile ai solo autobus vale in tutta la città e costa £80 indipendentemente dalla zona, quindi se avete un buon collegamento casa lavoro con l’autobus potete risparmiare (ma attenti al traffico inglese).

I mezzi pubblici possono essere pagati con la carta della propria banca che supporta la tecnologia contactless, così come con le relative applicazioni sullo smartphone come Google Pay, Apple Pay e così via.

Tuttavia il modo più comune è quello di munirsi della Oyster Card per i mezzi pubblici a Londra, una tessera che potete acquistare presso le stazioni e i punti vendita autorizzati a £5 (somma che vi viene resa quando restituite la carta) e che potete ricaricare per ogni corsa o per l’abbonamento mensile/annuale.

Esistono anche i normali biglietti di carta.

Salvo eccezioni, ricordatevi che non conviene mai pagare le singole corse per viaggiare, utilizzando gli abbonamenti giornalieri, settimanali, mensili e annuali si risparmia (anche perché il trasporto pubblico in questa città è eccellente ma anche molto caro).

Per avere un’idea chiara dei prezzi potete consultare il portale ufficiale del trasporto pubblico a Londra.

Bollette: luce, gas, acqua, internet più la council tax (tassa che si paga per i servizi che vengono erogati nell’area in cui si vive, come smaltimento rifiuti, cura delle strade, dei parchi ecc, si basa solitamente sulla grandezza della casa, al quartiere e al numero di residenti in un appartamento).

In media con un consumo normale, per un’abitazione dalle medie dimensioni, si spende sulle £100/120 al mese (nei mesi estivi si risparmia molto sul gas che invece d’inverno incrementa notevolmente le bollette dato il clima londinese).

Spesa: la spesa alimentare varia da individuo a individuo (dipende da cosa e dove lo comprate). Sempre volendo fare una media con circa £20 a settimana a persona si mangia e si comprano le cose indispensabili per la casa. Io ci rientro perfettamente in questa somma, poi le settimane che voglio invitare qualcuno a cena o concedermi un menù più articolato supero questo budget.

Vivere a Londra costa in media: direi che con £1200 si può vivere senza grandi lussi ma allo stesso tempo senza grandi problemi, prendendo una stanza in affitto o dividendo un appartamento con il proprio partner.

Penso a questa somma seguendo le voci di cui ho scritto in questo paragrafo e che vi voglio riassumere velocemente:

  • affitto £450 (stanza o la metà di un monolocale);
  • bollette £100 (luce, gas, acqua, Council Tax e internet);
  • abbonamento mensile ai mezzi pubblici £130;
  • spesa £100;
  • soldi per uscire £200;
  • imprevisti e soldi da parte £220.

Ci sono molte persone che iniziando dal basso e i primi mesi riescono a vivere anche con importi inferiori, come £1000 al mese. Questo richiede molti sacrifici, come prendere una stanza in affitto in una casa dove vivono molte persone, spendere poco e niente quando si esce e stare sempre attenti al centesimo.

Ho conosciuto tanti eroi (io li definisco così) che sono partiti dal nulla e giorno dopo giorno hanno lavorato fino ad avere oggi una buona posizione nella City, una città che a tempo debito ti ripaga sempre.

Vivere a Londra quanto costa per iniziare? Appena si arriva a Londra c’è bisogno di un budget di partenza, sia se si ha già un posto di lavoro, sia se ci si deve mettere alla ricerca di un impiego: bisogna trovare casa, pagare il deposito per l’abitazione, eventuali spese di agenzia e le spese iniziali di trasferimento.

Quello che vi suggerisco è di avere:

  • £1000 per il deposito ed eventuali spese di agenzia;
  • £1000 per spese varie ed emergenze (mobili per la casa, utensili, problemi vari ed eventuali);
  • £3000 per far fronte ai primi mesi, per avere tempo di trovare un lavoro, di ambientarsi senza stare con l’acqua alla gola a livello economico.

Nel complesso vi suggerisco di arrivare con almeno £5000 da parte.

Io e la mia ragazza quando ci siamo trasferiti avevamo questa somma da parte, ci ha permesso di prendere il primo monolocale nel quartiere di Willesden Green (pagavamo £850 di affitto al mese bollette escluse, la casa era quello che era ma per iniziare andava bene) e di avere qualche mese di tempo per cercare lavoro (lei lo ha trovato il primo mese, io nel secondo ma giusto perché durante i primi giorni mi sono fatto un corso d’inglese a cui andavo tutte le mattine).

Ovviamente questa somma richiedere di essere contenuti nelle spese.

Tuttavia vi posso garantire che ho conosciuto persone che ce l’hanno fatta all’inizio anche con un budget inferiore.

Uscire/divertimenti: da questo punto di vista dipende molto dai vostri gusti quindi entrerò poco nel merito. Vi posso solamente dire che Londra è una città molto costosa ma anche ricca di opportunità per divertirsi.

Ci sono molti ristoranti in cui è possibile cenare spendendo poco, come Eat Tokyo per chi ama la cucina giapponese o The Diner per chi ama il cibo americano.

Se volete mangiare una buona pizza spendendo poco potete andare da Franco Manca Pizzeria, solitamente il personale è tutto italiano e la pizza è molto buona.

Colazione, caffè e cappuccino: da Caffè Nero i prezzi non sono poi così alti (anche se nulla a che vedere con quelli dei bar italiani).

Se poi non volete spendere nulla fatevi una bella passeggiata lungo il Tamigi, godetevi (tempo permettendo) uno dei bellissimi parchi della città come Hyde Park o andate alla National Gallery a Trafalgar Square che è gratis.

Vivere a Londra quanto costa al giorno? Tolte quindi tutte le spese fisse diciamo che con pochi pound è possibile uscire e godersi una giornata, magari ci si concede un caffè o una cena in un locale economico e si spende tra £5/15. Tuttavia Londra è Londra quindi potete arrivare a spendere anche cifre a 3 zeri per una singola giornata se non state attenti a dove andate e a cosa comprate.

 

Stipendio medio Londra




Se state pensando che il costo della vita a Londra è alto non posso che darvi ragione. Tuttavia valutate anche che gli stipendi sono proporzionati al costo della vita.

In questa città non esiste il lavoro in nero (è davvero un fenomeno raro) e secondo la legge nessun datore di lavoro può pagarti al di sotto del minimo sindacale a Londra (minimum wage).

Con questo sistema non si arriva mai a guadagnare sotto £1100. C’è da dire che con questa somma più che vivere si sopravvive ai costi di Londra, ma solitamente è un punto di partenza: il mercato del lavoro inglese è meritocratico quindi se ci si impegna salario e mansioni aumentano progressivamente.

Ho scritto un articolo che tratta dettagliatamente quanto si guadagna a Londra, ma proviamo ora a fare qualche paragone con l’Italia.

 

Costo della vita a Londra rispetto all’Italia




Vediamo a confronto il costo della vita in questa città con quello Italiano.

Prezzi Londra cibo: partiamo allora da qualche cifra e da un argomento che interessa chiunque arriva nella City: il cibo.

Londra è una delle città più cosmopolite del mondo, io la trovo una realtà a parte.

La multiculturalità si trova anche nei sapori e nei prodotti: ci sono prodotti provenienti da ogni parte del mondo. Sicuramente sarà una chiara legge di mercato, del resto gli italiani amano i loro prodotti così come gli spagnoli, i portoghesi, i turchi, gli indiani, i pakistani fino ad arrivare a tutto il resto del mondo.

Fare la spesa al supermercato a Londra è più caro rispetto all’Italia, non su tutti i prodotti ma sulla maggior parte.

Il classico pacchetto di caffè da 250 grammi in Italia si trova sotto un euro (comprando delle sottomarche, s’intende), poco al di sopra di un euro (pensate al caffè Trombetta ad esempio) e si spende euro 2,30/2,50 per un pacchetto di caffè Lavazza.

A Londra il caffè Lavazza si trova solitamente sopra i £3 (ad esempio alla Co-op market vicino casa mia sta sempre intorno a £3.5).

Se volete comprare sottomarche di caffè difficilmente si scende sotto £1.8.

Quanto alla qualità dei prodotti difficilmente troverete quello che l’Italia offre: la nostra frutta e verdura è veramente di un altro livello, soprattutto quando ci concentriamo tra l’offerta dei principali supermercati che risiedono nel territorio italiano e in quello inglese, non c’è storia, e nonostante il fattore qualità la maggior parte dei vegetali costa di più a Londra che in Italia.

Quanto alla qualità vi posso dire che alle volte si trovano dei piccoli negozi locali, shop solitamente gestiti da turchi, che hanno buoni prodotti. Io spesso compro dei pomodori in un negozio locale che si chiama Lewisham Food Centre che oltre la grande vastità di prodotti offre cose di ottima qualità (i prezzi restano comunque più alti rispetto all’Italia anche in queste piccole realtà).

Se siete amanti del cibo spazzatura e dolciumi vari vi posso dire che Londra è la patria di questo genere di alimenti e che nella maggior parte dei casi costano meno dell’Italia.

Personalmente mi ritrovo a spendere di più per cibo sano che per quello meno sano da quando sono a Londra, frutta e verdura fresca sono più care di un menù al fast food.

Affitti e costo delle case: anche in questo caso il divario tra le principali città italiane e la Capitale inglese è molto grande.

In media, e a parità di condizioni, un affitto e l’acquisto di una casa a Londra è decisamente più alto rispetto all’Italia.

Nella periferia di Roma oggi è possibile acquistare una casa di 90mq con circa euro 250.000 mentre nelle periferie londinesi parliamo di £500.000.

Quanto agli affitti il divario c’è, seppur in maniera più contenuta rispetto all’acquisto: sempre prendendo Roma di riferimento un appartamento di 90mq lo si trova anche ad euro 1200, a Londra difficilmente sotto le £1500.

Trasporto pubblico: Londra ha dei prezzi molto alti per quanto concerne i mezzi pubblici.

Se si vive tra la zona due e la zona tre si spendono £120/150 al mese per usufruire dei mezzi pubblici. Più ci si allontana (zona 4, 5 e 6) e più i prezzi salgono. Potete arrivare a spendere anche £400 al mese.

A Roma l’abbonamento ai mezzi pubblici su tutta la città è di circa euro 35 al mese, così come a Milano.

C’è da dire che i mezzi pubblici a Londra sono una reale alternativa al mezzo privato. Io ci viaggio comodo e uso il tempo nella metro per leggere o studiare inglese.

Tuttavia c’è da aggiungere che con quello che spendo ogni mese in Italia riuscirei a pagare le rate di una macchina.

Lascio a voi le conclusioni: io da quando viaggio sui mezzi pubblici inglesi non ho problemi di multe, benzina e assicurazioni. A volte pesa la somma da pagare ogni mese ma il servizio è davvero ben organizzato.

 

Quanto costa vivere in Inghilterra

Arrivati a questo punto avete avuto modo di capire quanto costa vivere a Londra.

Voglio spendere giusto due righe sul resto del paese perché molto probabilmente molti di voi sono finiti a leggere quest’articolo perché stanno pensando di trasferirsi all’estero.

Londra è molto cara ma non è così per il resto del paese. Se decidete di andare a vivere in altre città come Manchester, Liverpool, Brighton, Bristol e così via potete spendere anche fino alla metà vivendo in città dove ci sono comunque molte opportunità lavorative e altrettante per chi vuole studiare in questo paese.

Ovviamente Londra è Londra, l’offerta di lavoro e accademica che trovate in questa città difficilmente si trova altrove.

Mi sono occupato di come si vive in Inghilterra e quanto costa, analizzando le diverse città e le relative opportunità.

 

Vivere a Londra consigli

Londra è una città difficile quanto meravigliosa.

Sono tanti i connazionali che vengono in questo posto per allontanarsi dai problemi dell’Italia, per cercare lavoro, per studiare o fare un’esperienza.

Il mio primo anno è stato molto intenso, ho lavorato duramente per aumentare di livello nel mio lavoro, per imparare bene la lingua e per integrarmi.

Giorno dopo giorno mi sono impegnato e questo mi ha ripagato. Purtroppo non posso dire che la stessa cosa è avvenuta nel mio paese anche se nel territorio italiano ci sono molte aziende serie e professionali.

Quello che so per certo è che Londra è una città che chiede molto ma che ti ripaga sempre, quindi se è qui che volete andare mettetecela tutta.

Se avete altre domande relative al costo della a Londra resto a disposizione nei commenti.

Marco Valeri

Mi chiamo Marco Valeri, sono nato a Roma e attualmente vivo a Londra, città che mi ha cambiato la vita.

Divoro libri, amo scrivere e non mi stanco mai di conoscere cose nuove, soprattutto legate alla comunicazione, alla crescita personale e allo sviluppo del web.

Ho fatto praticamente ogni tipo di lavoro per mantenermi e questo mi ha permesso di capire che l’età non è mai un limite per essere ciò che vuoi essere.

“La disciplina è libertà” è quel concetto che provo a mettere in pratica ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: